Basilica dell’ Annunciazione

Basilica dell’ AnnunciazioneLa Basilica dell’ Annunciazione è un pilastro della cristianità in Terra Santa, insieme alla Basilica della Natività ed il Santo Sepolcro. Tappa di pellegrinaggio obbligatoria per coloro che visitano i luoghi sacri della fede cristiana, la Basilica dell’Annunciazione si trova a Nazaret, nello stato d’Israele; è costruita nel luogo in cui, secondo la tradizione, l’arcangelo Gabriele annunciò a Maria che avrebbe portato in grembo e dato alla luce il figlio di Dio, Gesù Cristo.

Si ritiene che la grotta all’interno della basilica sia proprio la casa di Maria, e che già nel I° secolo, discendenti della famiglia di Maria elevarono un primo edificio sacro. Ad avvalorare questa tesi, gli scavi condotti durante la costruzione dell’attuale basilica, tra il 1955 ed il 1969, non solo fecero riemergere i resti di due chiese, una di epoca bizantina (VI secolo) ed una di epoca crociata (XI secolo), ma fecero riaffiorare dei ruderi del periodo cristiano-giudaico.

L’attuale Basilica dell’ Annunciazione edificata su due livelli, ma con un’unica facciata, venne inaugurata nel 1969. Costruita con blocchi di pietra bianca, separati da strisce di pietra rosa, la facciata è decorata con le figure di Maria e dell’Angelo, che richiamano l’ Annunciazione, e con le figure dei quattro evangelisti Matteo, Marco, Luca e Giovanni. Sulle strisce orizzontali di pietra rosa sono scolpite in lingua latina testi tratti dalla Sacra Bibbia.

La basilica minore ospita la grotta dell’ Annunciazione e vi si accede dai tre portici della facciata. Le sue dimensioni corrispondono esattamente a quelle della basilica superiore, ma a differenza di quest’ultima, molto colorata ed arricchita con dipinti e mosaici, la parte inferiore manca di decorazione. Lungo le austere pareti della basilica minore sono state ricavate numerose cappelle, tra cui quella costituita dall’abside dell’antica chiesa in stile romanico costruita dai crociati. Alla basilica superiore si accede dall’esterno, attraverso due portali, risalendo una grande scala a chiocciola che si trova sul fianco sinistro dell’edificio.